A A
RSS

“Il matrimonio di Lorna” dei fratelli Dardenne

Lun, Nov 24, 2014

Spettacolo

Un altro film dei registi francesi di affetti desiderati e irrealizzati o sostituiti

Due cuori e una capanna nei boschi del Belgio: così si conclude il film Le silence de Lorna intitolato in italiano Il matrimonio di Lorna, dei fratelli Dardenne. Un cuore è quello di Lorna (Arta Dobroshi, kossovara di Pristina), nel ruolo di una giovane donna albanese, l’altro è il cuoricino del bambino che lei pensa di avere o che desidera nel suo ventre; a lui Lorna parla fuggendo nel bosco, per andare verso una vita più pulita, differente da quella che ha vissuto finora. Per avere la nazionalità belga si è affidata a un certo Fabio (Fabrizio Rongioni), commerciante in matrimoni: Lorna sposa Claudy, derelitto umano belga, drogato, debole, pronto a legarsi a chiunque gli dia una possibilità o un gesto umano. Il denaro pattuito per Claudy per fare acquisire la nazionalità belga a Lorna è 2500 €, il doppio è previsto al divorzio. A sua volta poi Lorna dovrebbe sposare un russo che vuole naturalizzarsi belga.

Jérémie Renier nella parte di Claudy e Olivier Gourmet nella parte del poliziotto, che indaga sulla morte per overdose del primo, sono attori “feticcio” dei fratelli Dardenne. Il ruolo di Claudy assomiglia molto a quello che l’attore ebbe nei film L’enfant e Il ragazzo con la bicicletta, sempre dei Dardenne, sregolato, perso, immaturo, di persona ai margini della società. Di lui inaspettatamente Lorna – fino a lì solo utilitaristica e cinica –vorrà prendersi cura, gli si concede pure, per salvarlo. Perciò si affida a un sogno col bambino pensato: Io non abortisco. Non ti lascerò morire, mai. Ho lasciato morire tuo padre, tu vivrai.  Un altro film in cui i Dardenne mostrano “gli ultimi”, film di affetti desiderati e irrealizzati o sostituiti.

Angelo Umana

Angelo Umana

Libero pensatore, difficilmente “ingreggiabile” o assimilabile a parrocchie, bassa soglia di sopportazione dell’autorità costituita o dei gradi mostrine e titoli che vengono esibiti (lo showing off di on.le, ill.mo, deputato o senatore, prof., dott., avv., cav., conte marchese e simili) ma capace di stimare chiunque sia competente nella sua materia. Amante del cinema, delle lingue straniere (ne conosce 4 europee) e della lingua italiana, è della convinzione che la lettura e l’informazione equivalgano a libertà mentale e capacità di discernere. Non segue la televisione, ama scrivere per esprimersi. Sostiene che «l’esprimersi e rendersi comprensibili dal maggior numero di persone è già una conquista, un risultato». Suoi idoli: Montanelli e Travaglio.

Tags: , , , , , , ,

Lascia un commento

agata rizzo alba arte bellini belpasso biancavilla cannizzaro carlo caputo carmelo ciccia catania cinema collura Coro lirico siciliano daniela schillaci danilo festa discarica motta film giuseppe cantavenere iti cannizzaro l'alba l'Alba ArteCulturaSocietà l'alba periodico laura cavallaro laura timpanaro libro matteo collura misterbianco mostra motta sant'anastasia nino di guardo no discarica norma viscusi paternò patrona pdf pino pesce pirandello rosa balistreri scuola SI.RO spettacolo taormina teatro Teatro Massimo Bellini di Catania trecastagni

Bacheca Periodico – Ultime Edizioni