A A
RSS

Premio Lapillo d’Argento ed evento-moda “Dinastie” a Belpasso

Mar, Ott 20, 2015

Eventi, Spettacolo

Massimo Condorelli ha allestito un cartellone estivo di spettacoli variegato ed elevato

Come Vulcano, Dio del Fuoco, nella sua fucina nelle viscere dell’Etna forgiava opere stupende, così la generosa terra della cultura siciliana forgia da sempre personalità ricche di carisma, energiche e spettacolari come lapilli lanciati e proiettati verso l’alto.

 La metafora si addice perfettamente all’intento del premio Lapillo d’Argento-Etna Award, un Premio Nazionale alla Carriera, organizzato dall’Amministrazione di Belpasso guidata dal sindaco Carlo Caputo, col supporto di Massimo Condorelli delegato agli Eventi e con la direzione artistica di Nino Graziano Luca e Marco Aloisi dell’Harim Accademia Euromediterranea, che ha avuto luogo, nella sua prima edizione, a Belpasso il 2 settembre.

L’evento si colloca all’interno del Cartellone “Estate Belpassese 2015”, curato dall’esperto agli eventi del Comune di Belpasso Massimo Condorelli, che con un calendario ben variegato è riuscito ad organizzare due mesi di eventi, dal 26 luglio al 27 settembre, che ha soddisfatto esigenze diverse per tipo e per età.

A ricevere il prestigioso riconoscimento Lapillo d’Argento-Etna Award sei personalità veramente vulcaniche, le quali, ognuna nel proprio ambito, hanno segnato, e continuano a segnare, una traccia profonda nel panorama culturale nazionale e non: il poliedrico attore Lando Buzzanca, che ha felicemente compiuto il suo 80° compleanno, premiato per la sua spettacolare carriera cinematografica, l’attore Sebastiano Somma che ha ricevuto il premio per il teatro e la fiction, il giornalista Pier Luigi Vercesi, direttore del settimanale Sette  del Corriere della sera, il ciclista Claudio Chiappucci medaglia d’argento per lo sport, Antonio Mangia una figura di rilievo per il contributo che ha dato al turismo siciliano; una menzione speciale alla memoria del cav. Francesco Condorelli che con il suo operato ha lasciato un segno indelebile nell’imprenditoria siciliana e fatto conoscere il nome della Sicilia e di Belpasso nel mondo.

«Personalità esemplari – come afferma Nino Graziano Luca  che abbiamo voluto premiare e riunire alle pendici dell’Etna anche per l’influenza che la Sicilia ha esercitato nelle loro carriere; basti pensare a Buzzanca e Somma già interpreti intensi di celebri opere letterarie di De Roberto, Pirandello, Sciascia, per citarne alcuni»

Leitmotiv dell’evento le suggestive atmosfere del Gattopardo, rievocate con passione da Sebastiano Somma, intercalate da momenti di alto spessore culturale di straordinaria sicilianità: il soprano turco Gonca Dogan ha intonato l’intramontabile aria“Casta Diva” di Vincenzo Bellini mentre il gruppo Harmonia Suave della Compagnia Nazionale di Danza Storica ha fatto rivivere con i propri passi e costumi l’epoca ottocentesca.

E l’Ottocento è stato la cornice anche dell’appuntamento del 4 settembre, sempre nella splendida piazza Santa Lucia a Belpasso, dove si è svolto l’evento speciale moda “Dinastie”, ancora con la conduzione di Nino Graziano Luca. L’iniziativa ha inteso ripercorre la storia dell’illustre famiglia Florio, direttamente dalla viva voce della loro discendente diretta Costanza Afan de Rivera. Un racconto ricco di pathos per le emozioni e i ricordi che ha evocato e che ha permesso di approfondire la vita della gloriosa casata di imprenditori siciliani dell’Ottocento. Grazie ai Florio, infatti, la Sicilia ad inizio secolo fu  un punto di convergenza internazionale di una élite che trascorreva, fra Palermo e Taormina, lunghi periodi dell’anno. E’ stata particolarmente ricordata la figura carismatica di Donna Franca Florio, per i siciliani emblematicamente Donna Franca, la regina di Sicilia, donna apprezzata da molti per il suo fascino che andava oltre la già nota bellezza fisica, una donna straordinaria che affascinò personaggi famosi della belle époque, come, tra gli altri,  Gabriele D’Annunzio ed Enrico Caruso.

Una passerella prestigiosa quella di “Dinastie” per ammirare le creazioni di Giada Curti, esponente dell’alta moda romana, ambasciatrice del made in Italy in tutto il mondo. Le collezioni della stilista sono state infatti al centro di importanti momenti di condivisione dell’italian style in Cina, negli Stati Uniti e a Dubai.

La manifestazione ha costituto anche l’occasione per accogliere le collezioni dei giovani stilisti, Federica Rao, Caterina Bambara, Sofia Noemi Sgrò e Fabiola Longhitano di Harim Accademia Euromediterranea, reduci dalla Milano Moda Graduate, evento organizzato da Piattaforma Sistema Formativo Moda e Camera Nazionale della Moda Italiana.

 «Due momenti unici, che hanno portato in Sicilia personaggi-simbolo del mondo culturale – spiega Nino Graziano Luca – e che rappresentano per Belpasso un importante veicolo di promozione sociale e territoriale».

La musica di Marco Selvaggio e la voce di Antonella Arancio sono stati la colonna sonora della kermesse che ha coniugato tradizione ed eleganza.

Presenti all’evento anche il sindaco del Comune di Belpasso Carlo Caputo e il delegato agli Eventi Massimo Condorelli. E’ stato proprio il primo cittadino a volere fortemente le due iniziative, le quali sono state coronate da un grande successo suffragato dai numerosi consensi espressi dal pubblico e dalla stampa.

Agata Rizzo

Agata Rizzo

Insegnante di scuola dell’infanzia nel IV Circolo Didattico “Michelangelo Virgillito” di Paternò, II Collaboratore del Dirigente Scolastico e Responsabile della Scuola dell’infanzia.
Referente del progetto Pari Opportunità “Bambine e bambini, uguali…ma diversi”, da 10 anni coordina il giornalino scolastico “La Gazzetta RosAzzurra” sul tema delle pari opportunità e della genitorialità, diretto alle famiglie degli alunni. Negli anni ha collaborato con riviste del panorama pedagogico nazionale quali “Scuola Materna”-Ed. LA SCUOLA- e “Infanzia”-Alberto Perdisa Editore.
Nel 2006 è risultata II finalista con il progetto sulle Pari Opportunità “Bambine e bambini, uguali…ma diversi” al I Premio “Piccolo Plauto”, edito dalla Rivista Infanzia e dall’Università di Scienze dell’Educazione di Bologna.

Tags: , , , , , , ,

Lascia un commento

agata rizzo alba arte bellini belpasso biancavilla cannizzaro carlo caputo carmelo ciccia catania cinema collura Coro lirico siciliano daniela schillaci danilo festa discarica motta film giuseppe cantavenere iti cannizzaro l'alba l'Alba ArteCulturaSocietà l'alba periodico laura cavallaro laura timpanaro libro matteo collura misterbianco mostra motta sant'anastasia nino di guardo no discarica norma viscusi paternò patrona pdf pino pesce pirandello rosa balistreri scuola SI.RO spettacolo taormina teatro Teatro Massimo Bellini di Catania trecastagni

Bacheca Periodico – Ultime Edizioni