A A
RSS

“MINNAZZA” di Fabio Grossi al Teatro Stabile di Catania

Dom, Giu 4, 2017

Primo Piano, Spettacolo, Teatro

Viaggio ideal-letterario, sociale e umano fra miti e storie di Sicilia!

Leo Gullotta, in prosa e in versi, nella storia e nel mito, racconta, accompagnato da due fisarmoniche, la Sicilia, vicina e lontana, arcaica ed attuale; rievoca la sua «carusanza» al “Fortino” di Catania

Dominato dalla voce monologante di Leo Gullotta, è stato dato di recente, al Teatro Stabile di Catania, Minnazza – Letture tra i miti e le pagine di Sicilia, uno spettacolo di 90 minuti che racconta, in prosa e in versi, nella storia e nel mito, fatti della Sicilia, vicina e lontana, arcaica ed attuale. Ne è autore e regista Fabio Grossi che si avvale, nella incollatura dei testi, pure di storie della «carusanza» del narratore, passata a Catania nel quartiere “Fortino”, dove nacque e molto apprese, anche origliando fra i naturali bozzetti di strada.

Si tratta nello specifico di un viaggio ideal-letterario, sociale e umano, accompagnato dalle fisarmoniche di Fabio Ceccarelli e Denis Negroponte su musiche di Germano Mazzochetti in buona miscela mediterranea, evocatrice di tempi passati.

Come la musica anche la scelta testuale (esigenza concettuale) ha qualche contaminazione esterna; ed anche il titolo, dove in Minnazza, metafora della Madre Terra, l’autore identifica la Venere di Willendorf, dea in calcare dalle grosse tette. Forse (codesta scelta) perché un riferimento, ad esempio, alla Venere di Morgantina, riconducibile all’isolana Demetra, dea delle messi e della fertilità, non avrebbe dato senso e forza espressiva al titolo.

Il cammino drammaturgico segnato, in apertura e in chiusura, dal poeta dialettale Ignazio Buttitta, ha voci di vurcanu quannu adduma: Quasimodo, Luigi Capuana, Tomasi di Lampedusa, Luigi Pirandello, Leonardo Sciascia, Giuseppe Fava, Giovanni Meli, Italo Calvino, Paolo Coelho e qualche altro.

Italo Calvino e Paolo Coelho fanno da pungolo al concentrato intellettuale siciliano: il primo (in La storia di Cola Pesce) perché, con la necessità e la libertà di scelta, educa a gridarlo se «il re è nudo», per così smascherare «l’arroganza del potere»; il secondo perché considera «meschino» chi «ha avuto paura di correre rischi». Sullo stesso filo di Calvino, a ben ragione, affermava Sciascia: «La sicurezza del potere si fonda sull’insicurezza dei cittadini»; su Coelho, si ritrova invece Fava: «Se non si è disposti a lottare a che serve essere vivi». In questo contesto, l’esaltazione di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino che hanno sacrificato la loro vita per rendere il mondo migliore.

Così, la voce solista dell’attore etneo denuncia gli intrighi, lo strapotere e la guerra; e denuncia anche i furbi che macchiano l’arte; e, sull’arte di fare teatro, cita l’onestà di Mario Giusti il quale voleva rendere lo Stabile catanese «onesto» e «pulito».

Insomma una piacevole e riflessiva recita solista dell’ottimo Gullotta e un elogiabile fiore di testi, cui però non mi hanno avvinto l’ibrida scrittura di Andrea Camilleri e il ragionar su Pirandello.

Pino Pesce

 

 

 

 

 

 

 

Già docente di Materie Letterarie negli Istituti Superiori di II grado, si occupa di iniziative che promuovono l’arte e la cultura e/o che riguardano tematiche di forte valenza sociale. Si è anche occupato della divulgazione attraverso giornali vari del folclore, della tradizione e della storia della Sicilia e in particolare di Motta, di cui (come Assessore alla Cultura pro tempore) ha realizzato il volumetto Motta Sant’Anastasia, Guida alla città (Le Nove Muse Editrice,1999).
Dal 1995 al 2000, si è attivamente impegnato nel Rione “Panzera” del paese natale (rinomato in Italia e all’Estero per il gruppo degli Sbandieratori, pluricampioni d’Italia), di cui è stato Presidente dell’Associazione Culturale dall’aprile del 1995 all’aprile del 1998.
Nel 1997 (in occasione della “Festa Grande” in onore della Patrona Anastasia) ha scritto Trapasso di Sant’Anastasia, una sacra rappresentazione negli anni riproposta anche in occasione delle “Feste Medievali”, interpretata e diretta anche da nomi nazionali. Dal 2014 si è dedicato al teatro con interessanti e coinvolgenti rielaborazioni teatrali di cui ne ha curato anche la regia che hanno riscosso un rilevante successo, come “L’uomo dal fiore in bocca” di Luigi Pirandello e “Rosa Balistreri – A memoria di una Voce”.
Ha curato la presentazione di autori del mondo dell’Arte e della Letteratura e di video documentari a sfondo culturale e sociale, curandone il testo e la regia, che gli hanno procurato (avendoli proposti per le Scuole Medie Superiori) riconoscimenti anche dal Ministero della Pubblica Istruzione.
il professore, collaboratore di quotate riviste culturali: Biologia Culturale, diretta da Gino Raya (uno dei maggiori filosofi e letterati del Novecento, ricordato di recente dal Corriere della sera, dove Pesce veniva annoverato fra i suoi discepoli) ) e Netum, diretta da Biagio Jacono, ha negli ultimi anni, diretto La Svolta, periodico d’informazione e di cultura, e l’Alba, mensile cartaceo d’arte cultura e società, attualmente giornale on line.

Facebook 

Tags: , , , , , , ,

Lascia un commento

agata rizzo alba arte bellini belpasso biancavilla cannizzaro carlo caputo carmelo ciccia catania cinema collura daniela schillaci danilo festa discarica motta festa film giuseppe cantavenere iti cannizzaro l'alba l'alba periodico laura cavallaro laura timpanaro libro matteo collura misterbianco mostra motta sant'anastasia nino di guardo no discarica norma viscusi paternò patrona pdf pino pesce pirandello rosa balistreri scuola SI.RO Silvia Ivanova spettacolo taormina teatro Teatro Massimo Bellini di Catania trecastagni

Bacheca Periodico – Ultime Edizioni