A A
RSS

“Sicily International Short League” a Gravina di Catania

Mar, Lug 31, 2018

Cultura&Giovani, Spettacolo

Seconda Semifinale nella terrazza della Sala delle arti

Dopo il lusinghiero successo di pubblico della prima semifinale del 23 luglio per l’edizione 2018 di Sicily Intarnational Short League, organizzata dall’Associazione Culturale NO_NAME, con il Patrocinio del Comune di Gravina di Catania, si attende oggi, 31 luglio, la seconda semifinale.

Nella suggestiva terrazza della Sala delle arti del parco comunale, prende vita una manifestazione (per la direzione artistica di Cirino Cristaldi) che vede in concorso cortometraggi nazionali ed internazionali provenienti da tutto il mondo, presentati dallo stesso Cristaldi e da Adriana Scalia.

Scopo della manifestazione è far conoscere e diffondere il mondo dei corti. Sicily Short League rientra nella programmazione annuale del Festival Indipendente del Cinema Breve “Via dei Corti”, giunto alla 4a edizione, dove è possibile apprezzare opere provenienti da tutto il mondo sia di artisti affermati, che emergenti e dove accederanno le opere finaliste della manifestazione estiva, oltre a contendersi 2 premi speciali: il premio del pubblico, Audience Award – Best Film e il Globus Television Prize al miglior corto. Già durante la prima semifinale, dopo i saluti del sindaco Massimiliano Giammusso, che ha evidenziato il ruolo culturale del cinema breve, e dell’Assessore alla Cultura Patrizia Costa, felice per il successo dell’iniziativa, la proiezione ha visto i primi finalisti scelti dal pubblico: Cani di razza per la regia di Riccardo Antonaroli e Matteo Nicoletta, che ironizza sullo sfruttamento della disabilità nelle pellicole; Il disertore di Daniele Ricci e Federica Bertellotti, dove si fa palese lo scontro perenne tra pace e guerra; Sono un Supereroe di Nino Giuffrida, amara e tragica conclusione di una vita quotidiana apparentemente “impeccabile”. Nulla da togliere agli altri corti proiettati sia per i temi trattati che per l’incisività del messaggio. L’immigrazione, il sentirsi diversi e soli sono stati affrontati nei corti Due occhi da straniero di Vladimir di Prima e 01 di Katharina Potratz e Julian Friedrich, mentre puntano sulla scelta del destino, seppur in una chiave di lettura differente L’Avenir di Luigi Pane e Due di Federico Bensi. Ironico e divertente è invece Per Maria di Francesco Gabbrielli. Una piacevole serata, dunque, ricca di spunti di riflessione che lascia presagire altrettanta piacevolezza per stasera. I corti semifinalisti sono Aria di Mirco Vigliotti e Gancarlo Vasta; One more di Andrea Andolina; 8 giugno ’76 di Gianni Saponara; Love Note (di Marcus Hanisch); L’appuntamento di Vito Cea, FiSolofia di Nicola Palmeri; Uscire fuori di Michele Leonardi; Il regalo di Alice di Gabriele Marino.

Un’attesa carica di curiosità per i corti che verranno proiettati stasera e che approderanno in finale il 6 agosto. Data importante sia per la rassegna e per l’impronta culturale che lascia, sia per la mostra fotografica Graffi d’autore di Nino Gullotti, per un eufonico connubio fra arti.

Gabriella Puglisi

M.Gabriella Puglisi

Dottore di ricerca in “Modelli di Formazione. Analisi Teorica e comparazione”. Laureata in Scienze politiche ha collaborato con diverse testate locali. Ama la lettura, la musica e il balletto; la notte e il mare. Non le piace la mancanza di autocritica.

Tags: , , , , ,

Lascia un commento

agata rizzo alba arte bellini belpasso biancavilla cannizzaro carlo caputo carmelo ciccia catania cinema collura daniela schillaci danilo festa discarica motta festa film giuseppe cantavenere iti cannizzaro l'alba l'alba periodico laura cavallaro laura timpanaro libro matteo collura misterbianco mostra motta sant'anastasia nino di guardo no discarica norma viscusi paternò patrona pdf pino pesce pirandello rosa balistreri scuola SI.RO Silvia Ivanova spettacolo taormina teatro trecastagni virgillito

Bacheca Periodico – Ultime Edizioni