A A
RSS

Ritorna al “Must Musco” “La creatura del desiderio”

Dom, Feb 24, 2019

Teatro

NUOVAMENTE IN SCENA IL DRAMMA DI CAMILLERI CON LA REGIA DI DIPASQUALE

La storia di un amore sensuale nella Vienna del 1912; una passione tumultuosa tra fughe e viaggi, lettere e gelosie. Un’occasione teatrale ricca di riflessioni sulla civiltà europea agli inizi del ‘900.

Attesa con partecipazione la replica straordinaria della pièce La creatura del desiderio che il 28 febbraio 2019 alle ore 21.00 tornerà sul palcoscenico del Must Musco Teatro di Catania. Il lusinghiero successo di critica e pubblico con cui la rappresentazione è stata accolta lo scorso novembre, confermano il riscontro per il tumultuoso amore viennese fra il pittore Oscar Kokoscha e l’avvenente vedova Alma Mahler, messo in scena grazie ad un solido connubio drammaturgico: la penna Andrea Camilleri nell’omonimo testo pubblicato da Skira e la regia teatrale di Giuseppe Dipasquale.

Il discrimine dell’opera è l’ossessione che sfocia nella possessione, «costruita sulla finzione umana» che, citando Dipasquale, «costituisce oggi nella misura del paradosso una delle più raffinate e crudeli violenze sulle donne». L’incontro fra i due, nella Vienna del 1912, si sostanzia ben presto in un amore sensuale intriso d’eros; una passione tumultuosa che, tra fughe e viaggi, lettere e gelosie, segnerà i due anni successivi della relazione, periodo in cui l’artista dà alla luce le sue opere più significative ed importanti, tra le quali La sposa del vento. Oscar e Alma hanno però sensibilità diverse. La giovane protagonista, profondamente inquieta, all’improvviso interrompe la relazione. Kokoscka parte per la guerra ma non dimentica Alma. Al suo rientro in patria è sconvolto dalle brutture del conflitto e soprattutto dal pensiero ossessivo della donna, tanto da farsi confezionare una bambola con le fattezze dell’amata. I protagonisti della storia sono interpretati da due volti noti al pubblico nazionale: David Coco e Valeria Contadino. Le scene e i costumi sono di Erminia Palmieri; le musiche di Matteo Musumeci; i movimenti scenici di Donatella Capraro. Completano il cast Leonardo marino e Antonella Scornavacca.

Un’occasione teatrale che darà certamente spunti di riflessione sulla percorrenza della civiltà europea e del suo sentire. lo spettacolo verrà replicato  sabato 2 marzo al Teatro comunale. la programmazione del Must, lunga 7 mesi, proseguirà il 12 marzo con A tavola da Eduard con due grandi nomi del teatro italiano, Mariano Rigillo e Anna Teresa Rossini; il 13 e il 14 aprile sarà la volta di Carta straccia, con Pino Strabioli e Sabrina Knaflitz, mentre il 18 e il 19 maggio toccherà ad Aggregazioni, spettacolo scritto e diretto da Claudio “Greg” Gregori. La stagione si concluderà con Valeria Contadino e Mimmo Mignemi in Amleto in trattoria.

M. Gabriella Puglisi

M.Gabriella Puglisi

Dottore di ricerca in “Modelli di Formazione. Analisi Teorica e comparazione”. Laureata in Scienze politiche ha collaborato con diverse testate locali. Ama la lettura, la musica e il balletto; la notte e il mare. Non le piace la mancanza di autocritica.

Tags: , , , ,

Lascia un commento

agata rizzo alba arte bellini belpasso biancavilla cannizzaro carlo caputo carmelo ciccia catania cinema collura daniela schillaci danilo festa discarica motta festa film giuseppe cantavenere iti cannizzaro l'alba l'alba periodico laura cavallaro laura timpanaro libro matteo collura misterbianco mostra motta sant'anastasia nino di guardo no discarica norma viscusi paternò patrona pdf pino pesce pirandello rosa balistreri scuola SI.RO Silvia Ivanova spettacolo taormina teatro Teatro Massimo Bellini di Catania trecastagni

Bacheca Periodico – Ultime Edizioni