A A
RSS

“Sempre” il 6 settembre al Palazzo della Cultura di Catania

Ven, Set 4, 2020

Spettacolo

EMOZIONI DI PAROLE E MUSICA

GUIA JELO: «Il titolo Sempre è anche un inno all’eternamente adorato Giacomo Leopardi in una mia bizzarra e forse intrepida idea registica di spargere il suo Infinito come coriandoli di luce, qua e là, in mezzo alla mia “parola”.

Guia Jelo

Sempre: una straordinaria commistione di parole e musica per suscitare emozioni, rapire e toccare Elicona. Parliamo dello spettacolo che andrà in scena al Palazzo della Cultura di Catania il 6 settembre, alle ore 21:00. Protagonista l’attrice catanese Guia Jelo; al suo fianco il maestro Gianfranco Pappalardo Fiumara.

Patrocinato dal Comune di Catania, lo spettacolo è sostenuto da Mythos Opera Festival e da Videobank.

Scritta e diretta dall’attrice protagonista, l’opera teatrale narra l’incontro tra due artisti, indissolubilmente legati da affinità elettive.

Guia Jelo e Gianfranco Pappalardo Fiumara

Puntualizza Guia Jelo: «La prima volta che ho sentito l’opera, il cuore mi ha percorso le orecchie ed ho avvertito il fremito supremo di mani che volavano ed incalzavano. Così ho pensato che, come nel sempre vivere della poesia, il sempre vivere della musica avrebbe dovuto donare nel mio percorso artistico tutto quello che io provo quando ascolto le note eseguite da lui e quando vedo le sue mani che vivono separatamente dal resto che c’è tutto intorno e anche da una cosa molto suggestiva della mia vita: il brusio del pubblico.»

La pièce è un inno alla musica ed alla poesia; quindi un omaggio all’Arte. Aggiunge l’attrice etnea: «Il titolo Sempre è anche un inno all’eternamente adorato Giacomo Leopardi in una mia bizzarra e forse intrepida idea registica di spargere il suo Infinito come coriandoli di luce, qua e là, in mezzo alla mia “parola”. Sempre a lui caro era il suo colle, ma sempre e per sempre è cara, la musica e la poesia, con la potenza del dualismo eterno in tutte le sfere della mente: amore e morte, nel sempre essere infinite e belle entrambi le due parti.»  

Giafranco Pappalardo Fiumara, Flaminia Chiechio, Guia Jelo e Guia Buccheri

In scena due pianoforti: uno bianco, l’altro nero a simboleggiare i due lati dell’anima. Chiarisce il pianista Gianfranco Pappalardo Fiumara: «Sempre è uno spettacolo introspettivo che, attraverso la musica e la poesia del sempre caro mi fu quest’ermo colle, tocca gli animi e i cuori. Attraverso Sempre si ricostruisce una vita, un percorso artistico e di emozioni. Un’opera che io e Guia abbiamo voluto con forza realizzare e che, in parte, ripercorre la nostra vita fatta di tormenti, amori, passioni e gioie.»  Completano il cast artistico Guia Buccheri, il piccolo pianista, e Flaminia Chiechio, la sposa del flauto. Gli eleganti costumi sono stati realizzati da Giovanna Giorgianni e Riccardo Cappello. Assistente alla regia è Anna Aiello e responsabile di produzione è Massimo D’Alessio. Da ricordare il prezioso contributo delle voci fuori campo: Riccardo Maria Tarci (la voce della penna dell’autrice sulla vita del pianista) e Michele Placido (la voce narrante di Giovanni Verga che accompagna la lupa in scena fino alla sua morte).

Amap

Redazione l’Alba

Tags: , ,

Lascia un commento

agata rizzo alba arte bellini belpasso biancavilla cannizzaro carlo caputo carmelo ciccia catania cinema collura Coro lirico siciliano daniela schillaci danilo festa discarica motta film giuseppe cantavenere iti cannizzaro l'alba l'Alba ArteCulturaSocietà l'alba periodico laura cavallaro laura timpanaro libro matteo collura misterbianco mostra motta sant'anastasia nino di guardo no discarica norma viscusi paternò patrona pdf pino pesce pirandello rosa balistreri scuola SI.RO spettacolo taormina teatro Teatro Massimo Bellini di Catania trecastagni

Bacheca Periodico – Ultime Edizioni