A A
RSS

“Cavalleria rusticana” al Teatro Greco di Tindari

Lun, Ago 12, 2019

Spettacolo

GIOVANNA CASOLLA E  ANGELO VILLARI, PROTAGONISTI DELL’OPERA DI MASCAGNI

Il popolare Capolavoro, prodotto dal Coro Lirico Siciliano, andrà in scena il 13 agosto per il “Festival dei Teatri di Pietra”.

Chiarisce Zamfir: «In questa meravigliosa terra di Sicilia realizzerò un’opera di stampo tradizionale con la quale esaltare la bellezza del Teatro Greco».

Ritorna, il 13 di agosto, ore 21:00, la lirica al Teatro Greco di Tindari con un’altra produzione del Coro Lirico Siciliano: Cavalleria rusticana, Il capolavoro di Pietro Mascagni musicalmente costruito sui versi di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci che a loro volta hanno riadattato il loro Melodramma, di un unico atto, all’omonima novella di Giovanni Verga che è poi la vera testa creativa di quest’opera ancora viva e continuamente portata sui più rinomati palcoscenici internazionali.

Giovanna Casolla, foto di archivio

Sarà protagonista femminile il soprano Giovanna Casolla, nome rinomato della lirica internazionale. Dichiara la cantante: «Lungo i miei 47 anni di carriera ho vestito i panni di Santuzza centinaia di volte. Il mio vero debutto in questo ruolo avvenne a Catania nello spettacolo diretto da Aldo Mirabella Vassallo, ma anche quella di Tindari sarà per me una “prima volta”». Spiega invece Il tenore messinese Angelo Villari nel ruolo di Turiddu.: «Oggi sono particolarmente contento di fare questa esperienza con un cast d’eccezione in un luogo che considero un po’ anche la mia città». Sul palcoscenico ci saranno anche il soprano Giovanna Collica (mamma Lucia), Francesco Baiocchi (Alfio), Antonella Trifirò (Lola) e il Coro Lirico Siciliano, istruito come sempre da Francesco Costa.

Giovanni Villari, foto di archivio

A dirigere l’Orchestra sarà il M° Bruno Nicoli che dice: «Sono molto felice di poter lavorare nuovamente con questa straordinaria artista e di poter dirigere per la prima volta anche Angelo Villari. Io sono toscano per cui sono cresciuto respirando l’aria di Mascagni, ecco perché questa Cavalleria Rusticana sarà senza dubbi: passionale, concreta, reale e molto vicina alla vita vissuta».

A firmare la regia del capolavoro verista sarà Antoniu Zamfir, musicologo e direttore della Romanian Opera di Craiova, supportato nel lavoro dalla regista collaboratrice Anna Aiello. Chiarisce Zamfir: «In questa meravigliosa terra di Sicilia realizzerò un’opera di stampo tradizionale con la quale esaltare la bellezza del Teatro Greco». La prerogativa sarà, dunque, quella di rispettare le indicazioni del libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci ispirato all’omonima novella di Giovanni Verga. L’atmosfera locale anticipata dalla “Siciliana”, la serenata che Turiddu dedica a Lola, verrà ripresa dalla scenografia di Salvo Manciagli con la quale si riproduce un cortile con i muri a secco, le casette basse e l’immancabile carretto. Anche i costumi della storica sartoria teatrale Pipi saranno a tema come il disegno luci di Claudio Mantegna, che conferirà un’impronta naturalistica allo spettacolo.

Anche quest’ultimo, sembrerebbe un successo annunciato da aggiungerlo all’ edizione di  “Tosca” di Giacomo Puccini, andata in scena a Siracusa, Taormina e Tindari, dove ha riscosso grandi consensi di pubblico oltre che il plauso di giornalisti e critici.

Santy Caruso

Santy Caruso

Tags: , , , , , ,

Lascia un commento

agata rizzo alba arte bellini belpasso biancavilla cannizzaro carlo caputo carmelo ciccia catania cinema collura daniela schillaci danilo festa discarica motta film giuseppe cantavenere iti cannizzaro l'alba l'Alba ArteCulturaSocietà l'alba periodico laura cavallaro laura timpanaro libro matteo collura misterbianco mostra motta sant'anastasia nino di guardo no discarica norma viscusi paternò patrona pdf pino pesce pirandello rosa balistreri scuola SI.RO Silvia Ivanova spettacolo taormina teatro Teatro Massimo Bellini di Catania trecastagni

Bacheca Periodico – Ultime Edizioni