A A
RSS

L’ecologia applicata come stile di vita quotidiana

Sab, Ott 26, 2013

Scuola

Friburgo, poche auto, tanto verde e un quartiere eco con energia pulita

Gli allievi dell’ITI “Cannizzaro” in Germania per la gestione del territorio e dell’ambiente: poco utilizzo della macchina e “car sharing”. La bioedilizia del quartiere di Vauban

Gli allievi dell’ITI “Cannizzaro”, nell’ambito del corso IFTS “Tecnico superiore per il monitoraggio e la gestione del territorio e dell’ambiente”, hanno visitato, a conclusione del percorso didattico, la città di Friburgo, un esempio di città ecosostenibile. Qui l’ecologia applicata è uno stile di vita quotidiana: un abitante su due non usa la macchina e la restante metà è fortemente incoraggiata a utilizzare il car sharing. Gli edifici funzionano a pannelli solari e fotovoltaici, ci sono le colonnine che monitorano la quantità di CO2 nell’aria e ogni cosa in città si illumina con energia pulita. A rafforzare questa politica, vi sono incentivi comunali, da sommarsi a quelli federali, erogati dallo Stato tedesco.

Basta prendere un tram, dal centro di Friburgo, per arrivare al quartiere periferico di Vauban. Qui la prima cosa che colpisce è l’intensità dei colori: il giallo, il rosso e l’arancione delle case, il verde dei giardini onnipresenti, il blu dei pannelli solari. La seconda è la scarsa presenza di auto. La terza, i giardini pubblici gestiti dai cittadini e vissuti dai bambini.

Il quartiere di Vauban, in passato zona militare, è stato ricostruito coi criteri della bioedilizia. Le abitazioni sono fatte in legno e vetro e funzionano con il fotovoltaico e con il teleriscaldamento a biomasse. La guida turistica ci tiene a sottolineare come a Vauban esistono soltanto condomini passivi. Il concetto di abitazione passiva indica quelle costruzioni nelle quali il consumo energetico è molto basso tutto l’anno. Le palazzine sono rivolte verso il sole e anche nel freddo inverno tedesco in casa ci sono circa 24 gradi grazie ad un impianto di cogenerazione alimentato esclusivamente da trucioli di legno e gas naturale, agganciato alla rete del riscaldamento, mentre la riduzione del 60% delle emissioni di CO2, è garantita dall’efficienza dell’utilizzo del calore.

L’acqua piovana viene raccolta ed utilizzata per le case e per l’irrigazione del terreno.

Continuando la passeggiata tra le case ed il verde, non poteva mancare un occhio di riguardo verso la problematiche del traffico e dell’inquinamento causato dalle automobili: a Vauban si è proceduto in modo da ridurre la presenza delle auto, mentre i pochi parcheggi sono situati al di fuori del quartiere. Ilpotenziamento dei mezzi pubblici ha inoltre permesso al 40% delle famiglie di non aver bisogno della macchina, perché è presente il car-sharing, ma soprattutto perché coloro che non utilizzano il parcheggio godono di veri e propri incentivi economici.

Per costruire il quartiere sostenibile “Vauban” non è stato necessario abbattere alberi secolari, anzi, learee verdi sono state pensate e sviluppate insieme ai futuri residenti, così che molte strade e aree pubbliche sono a completa disposizione dei bambini.

Fantascienza? No, siamo in Germania, vicino al nostro Paese; e purtroppo l’ecocittà che per noi è ancora impensabile, per altri è già semplice quotidianità.

Prof.ssa Angela Percolla

Iti Cannizzaro Catania

Angela Percolla

Docente di Chimica presso l’ITI Cannizzaro di Catania

Tags: , , , , , , ,

Lascia un commento

agata rizzo alba arte bellini belpasso biancavilla cannizzaro carlo caputo carmelo ciccia catania cinema collura Coro lirico siciliano daniela schillaci danilo festa discarica motta film giuseppe cantavenere iti cannizzaro l'alba l'Alba ArteCulturaSocietà l'alba periodico laura cavallaro laura timpanaro libro matteo collura misterbianco mostra motta sant'anastasia nino di guardo no discarica norma viscusi paternò patrona pdf pino pesce pirandello rosa balistreri scuola SI.RO spettacolo taormina teatro Teatro Massimo Bellini di Catania trecastagni

Bacheca Periodico – Ultime Edizioni